Ti assomiglio?

Mia madre ha detto che ti assomiglio 

Possibile?

Dice che ho i capelli ricci come i tuoi

Ma tu non sai cosa vuol dire svegliarsi la mattina e combattere contro gli intrecci più inscindibili, e sforzarsi di ricordare i bei ricci della sera prima come se un muscolo potesse farli rinascere in un secondo

Siamo simili perché vestiamo sempre di nero, per nascondere, perché il nero è sexy, perché nell’ombra stiamo bene 

Selezioniamo le vere amicizie, e a quelle persone diamo tutto ciò che abbiamo

Uguali eravamo quando abbiamo confuso la verità con la menzogna, e siamo rimaste fregate tutt’e due nel giro di pochi mesi

Siamo simili perché abbiamo delle passioni nascoste, e restiamo in silenzio quando non c’è niente da dire, a guardarci voltando gli occhi senza farci vedere

Ma siamo diverse, dovrei dirlo a mia madre

Perché tu hai forse più coraggio, e lo ripeto sempre all’infinito

Perché tu conosci gente, ed io poche persone

Perché tu hai un fidanzato, una famiglia enorme, persone a cui vuoi bene, persone che ti vogliono bene

(In mezzo ci sono anch’io)

Ma siamo diverse per le esperienze vissute, per le amicizie più ignote, per i viaggi già fatti

Sognamo gli stessi paesi, ma chissà quando voleremo sopra i cieli di Cracovia: … tu domani, io troppo tardi

Siamo diverse perché tu sei spontanea con tutti, vera come un libro, svelata come un fiore privato dei suoi petali

Siamo diverse perché vogliamo cose diverse, vite diverse, strade diverse

Idee diverse, le nostre, finiscono per non scontrarsi mai

Dovrei dire a mia madre che le differenze sono tante tra di noi

La voglia fissa di seguire un sogno, la capacità di riuscirci appena

Ci crediamo a vicenda, anche se a me piace scrivere, a te studiare le auto

Ci assomigliamo perché il corpo è sempre stato un pensiero enorme, e provi vergogna tu, come me, davanti alle platee

Ti piace colorare i quadretti del quaderno: lo faccio anch’io

Ma spesso mi perdo a pensare, tu a messaggiare con il cellulare tra le mani

Siamo diverse, vedi?, nel nostro modo di concepire il mondo

Eppure poi si parla, e penso che abbia ragione mia madre

Non c’è più differenza che emerga, tra le onde di un oceano indiavolato

Non c’è più frase, sguardo, discorso, che mi faccia pensare ad un muro da abbattere, quando siamo da sole noi due

Ti assomiglio?, solo a volte

Tra i miei sforzi ed i tuoi di condividere l’aria

Ma sentirlo m’ha fatto chinare la testa, e ho risposto di no: assomiglio ad altre persone

Ma i capelli non smetto di farmeli ricci, perché ogni volta ti fa piacere guardarli, e tra mille sforzi vorrei che avessero la tua forma e il tuo colore

Ti assomiglierò allora

Vero mamma?

Annunci

11 pensieri su “Ti assomiglio?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...