Epistulae morales ad Lucilium, XIII

Una delle virtù che ti fanno un grande uomo, è l’onestà. Te lo voglio insegnare, Lucilio, perché al mondo vi sono così tanti bugiardi e così tante menzogne, che un colpo di vento potrebbe spazzare via tutto. Te ne accorgerai. Onestà vuole dire innanzitutto onestà con te stesso, e sembra facile, sembra quasi un eufemismo, ma spesso ci sono pensieri che nascono già sbagliati, falsi, ingannevoli. Onestà vuol dire anche onestà con gli amici: è il solo modo per ricevere l’amicizia più vera, le parole migliori, anche se possono far male. Onestà, onestà anche con i nemici, per non avere rimorsi, per giocare una partita con le proprie armi, senza colpire alle spalle o indossare una maschera di ferro. L’onestà ti renderà grande, e capace di distruggere le bugie, anche se ti sembrerà di essere solo, o indifeso, o spesso minuscolo, Lucilio credimi: non c’è niente di più forte della verità. 

Annunci

6 pensieri su “Epistulae morales ad Lucilium, XIII

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...